• Open Daily: 10am - 10pm
    Alley-side Pickup: 10am - 7pm

    3038 Hennepin Ave Minneapolis, MN
    612-822-4611

Open Daily: 10am - 10pm | Alley-side Pickup: 10am - 7pm
3038 Hennepin Ave Minneapolis, MN
612-822-4611
La solitudine scelta felice o doloroso destino?

La solitudine scelta felice o doloroso destino?

Paperback

General Psychology

ISBN13: 9791220069915
Publisher: Lightning Source Inc
Published: Sep 8 2020
Pages: 154
Weight: 0.47
Height: 0.33 Width: 5.98 Depth: 9.02
Language: Italian
Solitudine, una parola che evoca in noi opposti sentimenti, positivi e vitali per un rapporto intimo con noi stessi, ma anche negativi e frustranti legati a uno stato esistenziale carico di sofferenza, di angosce e di paura. In una società liquida e globale e soprattutto nelle nostre metropoli dove il traffico, il rumore e la continua connessione virtuale ci costringono a ritmi veloci e a faticose sfide competitive, la solitudine diviene uno spazio necessario, desiderato e ricercato, dove è possibile confrontarsi con le proprie emozioni, pensieri, fantasie e intuizioni creative. Un'esperienza in cui l'essere soli non ci fa sentire soli, ma in compagnia di noi stessi, a contatto con la nostra interiorità, come scrivono molti illustri uomini di genio. Gli aspetti positivi dello stare da soli sono descritti nella prima parte di questo breve saggio, che cerca di fornire una riflessione su come viene percepita e vissuta questa forma di solitudine nella nostra società contemporanea e sui meccanismi e i processi che favoriscono od ostacolano la preferenza soggettiva per questo spazio privato del sé. Uno spazio che assume diverse connotazioni emotive sia dal punto di vista evolutivo, dall'infanzia all'adolescenza alla vecchiaia, sia dal punto di vista dell'impatto che le nuove tecnologie hanno provocato nella gestione del nostro tempo. Nella seconda parte del volume l'autrice prende in esame alcuni aspetti negativi e dolorosi di chi vive in isolamento e solitudine, spesso legati ad eventi traumatici reali, come separazioni e perdite, carenza di cure e deprivazioni affettive, solitudine che è frequentemente associata a disagi emozionali, come bassa autostima e depressione. Una condizione questa in cui ci si sente soli, non compresi, abbandonati anche e soprattutto quando siamo in mezzo agli altri, certamente diversa dall'isolamento forzato imposto in particolari situazioni di emergenza, come quella recentemente vissuta a causa della grave epidemia da coronavirus, dove la consapevolezza di un fine comune e la qualità delle cure sembrano ridurre lo stress della quarantena e incrementare la solidarietà. Il testo offre molti esempi delle tante solitudini che costellano le nostre vite, attraverso una ricca documentazione sia di tipo scientifico sia letterario nel tentativo di fornire un quadro generale per chi è interessato a questi temi. Ma questa lettura potrà forse presentarsi anche come una sorta di utile antidoto agli stereotipi, diffusi soprattutto fra i giovani, che attribuiscono un valore negativo alla solitudine, un'auspicabile presa di coscienza del ruolo e dei vantaggi che questa esperienza può avere nella vita di tutti noi.

Also in

General Psychology